Il tuo soggiorno > Guida di Roma

Roma ancora oggi dimostra tutto il suo splendore, grazie ai suoi meravigliosi monumenti, alle sue piazze, alle chiese e alle diverse testimonianze artistico-culturali che hanno attraversato la città nel corso del tempo, dal periodo della Roma imperiale fino ad arrivare all'epoca moderna e contemporanea.

In questa sezione vogliamo proporvi alcuni dei più importanti monumenti della città eterna, suddivisi fra il Centro Storico e l'Eur, il quartiere in cui avrà luogo il RomExpo Franchising il 20 e 21 Maggio 2011.

Centro Storico

Piazza Esquilino e Obelisco

Mappa

Situato in piazza dell'Esquilino, di fronte all'abside della basilica di Santa Maria Maggiore, si può vedere un obelisco fatto trasferire lí per ordine di papa Sisto V. Questo obelisco, privo di iscrizioni, era uno dei due che Augusto fece sistemare ai lati dell'ingresso del suo mausoleo in Campo Marzio.

Piazza Esquilino e Obelisco

Fontana delle Naiadi (Piazza della Repubblica)

Mappa

La Fontana delle Naiadi al centro della piazza è opera del palermitano Mario Rutelli (bisnonno dell'ex sindaco di Roma Francesco Rutelli), che ha scolpito il gruppo artistico nel 1901. Le naiadi rappresentate sono la Ninfa dei Laghi, riconoscibile dal cigno che tiene a sè, la Ninfa dei Fiumi, sdraiata su un mostro dei fiumi, la Ninfa degli Oceani, in sella su un cavallo simbolo del mare, e la Ninfa delle Acque Sotterranee, poggiata sopra un drago misterioso. Al centro si trova il gruppo del Glauco (1912), simboleggiante il dominio dell'uomo sulla forza naturale. L'acqua proviene dalla fonte dell'acqua Marcia, fra le più famose di Roma; precedentemente infatti Pio IX aveva inaugurato qui nel 1870 la fontana dell'Acqua Pia.

Piazza di Spagna

Mappa

Piazza di Spagna, con la scalinata di Trinità dei Monti, è una delle più famose piazze di Roma. Deve il suo nome al palazzo di Spagna, sede dell'ambasciata dello stato iberico presso la Santa Sede. Al centro della piazza vi è la famosa Fontana della Barcaccia, che risale al primo periodo barocco, scolpita da Pietro Bernini e da suo figlio, il più celebre Gian Lorenzo Bernini.

Piazza di Spagna

Fontana di Trevi

Mappa

Uno dei simboli di Roma, la settecentesca Fontana di Trevi, felice connubio di classicismo e barocco, progettata da Nicolò Salvi, è recentemente tornata ai suoi originari splendori dopo il restauro durato diversi anni. La fontana è appoggiata a Palazzo Poli, che verrà adibito a Museo Nazionale degli Strumenti per l'incisione e la stampa. La leggenda dice che se un turista lancia una moneta nella fontana voltato di spalle ritornerà di sicuro a visitare la città eterna.

Fontana di Trevi

Pantheon

Mappa

Il Pantheon è il monumento romano che vanta il maggior numero di primati: è il meglio conservato, ha la cupola in muratura più grande di tutta la storia dell'architettura, è considerato l'antesignano di tutti moderni luoghi di culto, ed è stata l'opera dell'antichità più copiata ed imitata. Michelangelo la considerava opera di angeli e non di uomini. Il punto in cui sorge non è casuale ma è un luogo leggendario della storia della città. Secondo una leggenda romana, infatti, questo era il posto dove il fondatore di Roma, Romolo, alla sua morte fu afferrato da un'aquila e portato in cielo fra gli dei.

Pantheon

Fontana dei Quattro Fiumi (Piazza Navona)

Mappa

Piazza Navona è una delle più celebri piazze di Roma. La sua forma è quella di un antico stadio, e venne costruita in stile monumentale per volere di papa Innocenzo X , della famiglia Pamphilj. La scultura detta Fontana dei Quattro Fiumi (o anche solo Fontana dei Fiumi) si trova a Roma al centro della piazza (davanti alla chiesa di Sant'Agnese in Agone fatta da Borromini) ed è stata ideata e plasmata dallo scultore e pittore Gian Lorenzo Bernini nel 1651 su commissione di papa Innocenzo X, in piena epoca barocca, durante il periodo più fecondo di questo artista.

Fontana dei Quattro Fiumi (Piazza Navona)

Colosseo

Mappa

Il Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio o semplicemente come Amphitheatrum, è il più famoso anfiteatro romano, ed è situato nel centro della città di Roma. In grado di contenere fino a 50.000 spettatori, è il più grande e importante anfiteatro romano, nonché il più imponente monumento della Roma antica che sia giunto fino a noi. L'anfiteatro è stato edificato su un'area al limite orientale del Foro Romano. La sua costruzione fu iniziata da Vespasiano nel 72 d.C. e fu inaugurato da Tito nell'80 d.C., con ulteriori modifiche apportate durante il regno di Domiziano. Non più in uso dopo il VI secolo, l'enorme struttura venne variamente riutilizzata nei secoli, anche come cava di materiale. Il nome "Colosseo", che deriva dalla vicina statua del Colosso del Dio Sole (adattamento del Colosso di Nerone), si diffuse solo nel medioevo. Ben presto l'edificio divenne simbolo della città imperiale, espressione di un'ideologia in cui la volontà celebrativa giunge a definire modelli per lo svago del popolo. Oggi è un simbolo della città e una delle sue maggiori attrazioni turistiche. Il Colosseo, come tutto il centro storico di Roma, è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'umanità dall'UNESCO nel 1980. Nel 2007 il complesso è stato anche inserito fra le Sette meraviglie del mondo moderno nell'ambito di un controverso concorso.

Palatino

Mappa

Posto al centro del semicerchio di colline che si protendono verso il Tevere,e a una cinquantina di metri sul livello del mare, vicino al fiume e al suo guado a valle dell'Isola Tiberina e isolato su tutti i lati tranne quello settentrionale dove era unito all'Esquilino dalla Velia, il Palatino era il luogo più adatto per la creazione di un insediamento da dove potesse essere controllata l'area sottostante del Foro Boario. L'occupazione stabile del colle è testimoniata dai resti di un villaggio datato alla prima età del ferro (IX-VIII secolo a.C.) situato sulla sommità del Cermalus, il luogo dove la tradizione poneva l'abitazione di Romolo (Casa Romuli), e in accordo con la tradizione cronologica varroniana che fissava la fondazione di Roma, sul Palatino, sedici generazioni dopo la guerra di Troia, cioè nel 754-753 a.C. Il giorno della fondazione (il 21 aprile) era quello della festa per l'antico culto di Pales (divinità italica dei greggi e dei pastori) che avrebbe dato origine al nome del colle, il Palatium appunto. Fin dall'età arcaica il Palatino su il luogo preferito per le ricche dimore dei notabili della città: nella tarda età repubblicana vi abitarono Marco Emilio Scauro, Crasso, Cicerone, il triumviro Marco Antonio e infine Augusto; la scelta fatta da quest'ultimo venne seguita dai suoi successori che fecero costruire, nel corso della prima età imperiale, una serie di palazzi che trasformò il Palatino in un unico grande complesso: la fastosa residenza imperiale che finì con l'essere designata col nome stesso del colle, diventando così il "Palazzo" per eccellenza.

Fori Imperiali

Mappa

I Fori Imperiali costituiscono una serie di piazze monumentali edificate nel corso di un secolo e mezzo (tra il 46 a.C. e il 113 d.C.) nel cuore della città di Roma dagli imperatori. Di essi non fa invece parte il Foro Romano, ossia la vecchia piazza repubblicana, la cui prima sistemazione risale all'età regia (VI secolo a.C.) e che era stato per secoli il centro politico, religioso ed economico della città, ma che non ebbe mai un carattere unitario. Sotto Cesare e Augusto, la costruzione della Basilica Giulia e il rifacimento della Basilica Emilia, che delimitavano i lati lunghi della piazza, diedero tuttavia al Foro una certa regolarità.

Fori Imperiali

Campidoglio

Mappa

Il Campidoglio, oggi sede del comune di Roma, è il più piccolo fra i famosi sette colli di Roma, ma anche il più importante, perchè il primo nucleo della città nacque in questo punto, racchiuso da un primitivo sistema di mura difensive a protezione degli abitanti dalle tribù ostili che abitavano i colli circostanti. In effetti il Campidoglio ha una doppia sommità: una è situata appena a destra dell'attuale piazza, mentre l'altra, quasi adiacente al suo lato sinistro, corrisponde a Santa Maria d'Aracoeli. Il colle del Campidoglio subì nel corso dei secoli vari rifacimenti fino ad assumere l'aspetto attuale che è quello conferitogli dal progetto michelangiolesco. Il Campidoglio è stato fin dall'antichità un luogo importante per la vita della città, prima come centro religioso e poi come luogo di potere quando vi si sistemò il senato di Roma. L'importanza sociale e religiosa del Campidoglio crebbe soprattutto durante l'età repubblicana. Vi furono costruiti diversi templi, fra i quali quello dedicato a Giove Capitolino, il più venerato di Roma. Il colle sovrastava il Foro Romano, e la sua sommità veniva raggiunta dallo stesso lato, rivolto a sud, dov'era molto meno ripido di adesso. Questo divenne il luogo più sacro di Roma antica.

Piazza Venezia

Mappa

La piazza, antistante il quattrocentesco Palazzo Venezia, residenza del papa Paolo II, fu il primo grande intervento urbanistico della Roma del '500, punto d'arrivo della famosa 'corsa dei B´rberi', che si svolgeva a Carnevale lungo la Via del Corso, a cui la piazza faceva da monumentale conclusione. La realizzazione del colossale monumento a Vittorio Emanuele II (1885-1925) causò una radicale trasformazione di tutta l'area a ridosso del Campidoglio: sul fronte opposto al Palazzo Venezia venne realizzato il Palazzo 'gemello' delle Assicurazioni Generali, mentre il Palazzetto Venezia, che occupava lo spazio antistante il monumento, venne smontato e ricostruito più indietro, a ridosso del Palazzo. Dopo la Grande Guerra, con la tumulazione del Milite Ignoto e con la destinazione del monumento a sede del capo del Governo, si rafforzò l'immagine della piazza come centro politico e 'nuovo foro' della città.

Mura Aureliane

Mappa

Le Mura Aureliane sono una cinta muraria costruita tra il 270 ed il 273 dall'imperatore Aureliano per difendere Roma, capitale dell'impero, dagli attacchi dei barbari. Dopo aver subito numerose ristrutturazioni in epoche successive, sia nell'antichità che in epoca moderna, le mura si presentano oggi in un buono stato di conservazione per la maggior parte del loro tracciato; nell'antichità correvano per circa 19 km, oggi sono lunghe 12,5 km.

Mura Aureliane

Palazzo Margherita

Mappa

Palazzo Margherita (prima Piombino) è un edificio di Roma, in via Veneto, nel rione Ludovisi. Sorge in via Veneto, ed ha preso il nome dalla Regina Margherita che lo abitò a lungo dopo il 1900, anno della tragedia di Monza. Il palazzo era stato costruito tra il 1886 e il 1890 su progetto di Gaetano Koch per il Principe Rodolfo Boncompagni Ludovisi su una porzione della Villa Ludovisi successivamente scomparsa. Lo stabile è sede dell'Ambasciata degli Stati Uniti d'America.

Palazzo Margherita

Fontana del Tritone (Piazza Barberini)

Mappa

La Fontana del Tritone, si trova in Piazza Barberini a Roma, è un'opera di Gian Lorenzo Bernini, a cui fu commissionata dal Papa Urbano VIII Barberini. In tutti gli esempi medioevali e cinquecenteschi delle fontane che avevano adornato le città italiane, era sempre stata costante la netta separazione fra la struttura plastico-architettonica e l'elemento fluido: l'acqua.

Fontana del Tritone (Piazza Barberini)

Arco di Costantino

Mappa

L'arco di Costantino è un maestoso arco trionfale posto accanto al Colosseo a poca distanza dall'imbocco della via Sacra, la via che sale ai Fori Imperiali. L'arco è un magnifico esempio non solo di architettura ma anche di scultura essendo riccamente decorato da rilievi e statue. Una curiosità: alcune statue furono danneggiate da Lorenzino  de' Medici che le decapitò per divertimento, impresa che ne causò la cacciata da Roma e gli guadagn&eograve; l'appellativo popolare di Lorenzaccio. Storia, descrizione e come raggiungere l'Arco di Costantino, l'arco trionfale più famoso di Roma.

Arco di Costantino

Circo Massimo

Mappa

Il Circo Massimo è un antico circo romano, dedicato alle corse di cavalli, costruito a Roma. Situato nella valle tra il Palatino e l'Aventino, è ricordato come sede di giochi sin dagli inizi della storia della città: nella valle sarebbe avvenuto il mitico episodio del ratto delle Sabine, in occasione dei giochi indetti da Romolo in onore del dio Consus. Di certo l'ampio spazio pianeggiante e la sua prossimità all'approdo del Tevere dove dall'antichità più remota si svolgevano gli scambi commerciali, fecero sì che il luogo costituisse fin dalla fondazione della città lo spazio elettivo in cui condurre attività di mercato e di scambi con altre popolazioni, e - di conseguenza - anche le connesse attività rituali (si pensi all'Ara massima di Ercole) e di socializzazione, come giochi e gare.

Circo Massimo

Sinagoga

Mappa

La Sinagoga di Roma, il più grande tempio d'Europa, fu costruita tra il 1901 e il 1904 su uno dei quattro lotti di terreno ricavati demolendo le più fatiscenti aree del ghetto. Per volontà espressa dagli ebrei romani il nuovo Tempio doveva sorgere tra i due maggiori simboli della ritrovata libertà romana: il Campidoglio, sede del Comune a fianco al quale è il monumento a Vittorio Emanuele II, e il Gianicolo, luogo delle più aspre battaglie risorgimentali e dove si trova il monumento a Garibaldi. Altro presupposto era che il Tempio fosse grande e visibile da ogni punto panoramico della città. La mancanza di antichi modelli ai quali fare riferimento fece sì che si privilegiasse l'architettura piuttosto che lo stile; il risultato fu un edificio eclettico, ispirato a forme assiro-babilonesi. Per gli ebrei romani la Sinagoga rappresenta, oltre che un luogo di preghiera, un fondamentale punto di riferimento culturale ed ospita una mostra permanente della Comunità israelitica di Roma. Fanno capo alla Sinagoga tutti gli organismi religiosi ed amministrativi che regolano la vita della comunità ebraica di Roma. I 15.000 ebrei romani, non tutti residenti al ghetto, danno vita alla più numerosa ed importante comunità italiana e, pur mantenendo la propria identità, sono modello di integrazione nel tessuto culturale della città.

Castel Sant'Angelo

Mappa

Edificato intorno al 123 d.C. come sepolcro per l'imperatore Adriano e la sua famiglia, Castel Sant'Angelo ha un destino atipico nel panorama storico-artistico della capitale. Mentre tutti gli altri monumenti di epoca romana vengono travolti, ridotti a rovine o a cave di materiali di spoglio da riciclare in nuovi, moderni edifici, il Castello - attraverso una serie ininterrotta di sviluppi e trasformazioni che sembrano scivolare l'una nell'altra senza soluzione di continuità - accompagna per quasi duemila anni le sorti e la storia di Roma. Da monumento funerario ad avamposto fortificato, da oscuro e terribile carcere a splendida dimora rinascimentale che vede attivo tra le sue mura Michelangelo, da prigione risorgimentale a museo, Castel Sant'Angelo incarna nei solenni spazi romani, nelle possenti mura, nelle fastose sale affrescate, le vicende della Città Eterna dove passato e presente appaiono indissolubilmente legati.

Basilica di San Pietro (Vaticano)

Mappa

La basilica di San Pietro in Vaticano è una basilica cattolica della Città del Vaticano, posta a coronamento della monumentale Piazza San Pietro. È la più grande delle basiliche papali di Roma, spesso descritta come la più grande chiesa del mondo e centro del cattolicesimo. Non è tuttavia la chiesa cattedrale della diocesi romana poichè tale titolo spetta alla basilica papale di San Giovanni in Laterano che è anche la prima per dignità essendo Madre e Capo di tutte le Chiese dell'Urbe e del Mondo. In quanto Cappella Pontificia, posta in adiacenza del Palazzo Apostolico, la basilica di San Pietro è la sede delle principali manifestazioni del culto cattolico ed è perciò in solenne funzione in occasione delle celebrazioni per il Natale, la Pasqua ed i riti della Settimana Santa, la proclamazione dei nuovi papi e le esequie di quelli defunti, l'apertura e la chiusura dei giubilei e le canonizzazioni dei nuovi Santi. Sotto il pontificato di Pio IX ospitò le sedute del Concilio Vaticano I e sotto papa Giovanni XXIII e Paolo VI quelle del Concilio Vaticano II.

Nei pressi dell'Expo (EUR)

Planetario e Museo Astronomico

Mappa

Il nuovo Planetario di Roma, che occupa una sala di circa 300 mq, è stato inaugurato il 26 maggio 2004 presso il Museo della Civiltà Romana all'Eur, a oltre 20 anni dalla chiusura dello storico planetario ospitato nella Sala della Minerva. All'interno di questo spazio sotto l'ampia cupola di 14 metri viene riprodotta una perfetta riproduzione del cielo stellato i moti del Sole, della Luna e dei pianeti sullo sfondo dello Zodiaco, della Via Lattea e di 4500 stelle. Tre proiettori digitali consentono inoltre di compiere in tempo reale vere e proprie navigazioni tridimensionali nello spazio profondo. Il planetario di Roma offre una vasta programmazione di spettacoli astronomici dal vivo, conferenze, eventi e osservazioni astronomiche rivolti a ogni tipo di pubblico, per avvicinarsi alle meraviglie del cielo e approfondirne i segreti. Il museo astronomico adiacente conduce il visitatore in un viaggio dalla Terra all'universo attraverso i grandi temi dello spazio, del tempo, dell'origine degli elementi attraverso grandi modelli dei pianeti, diorami e postazioni multimediali interattive con videogiochi astronomici.

ORARI

Da martedì a venerdì ore 9.00 - 14.00
Spettacoli del Planetario 9.30 - 11.0 - 12.30 

Sabato e domenica ore 9.00 - 19.00.
Spettacoli del Planetario 9.30 - 11.0 - 12.30 - 15.00 - 16.00 - 17.30

PREZZI

1 spettacolo del Planetario + Museo Astronomico
€ 6.50 + € 2.50 (commissioni d'agenzia) biglietto intero

€ 4.50 + € 2.50 (commissioni d'agenzia)
scuole, ragazzi 6-18 anni e adulti oltre i 65 anni
gratuito bambini sotto i 6 anni

1 spettacolo del Planetario + Museo Astronomico + Museo della Civiltà Romana 
€ 8.50 + € 2.50 (commissioni d'agenzia) biglietto intero
€ 6.50 + € 2.50 (commissioni d'agenzia) scuole, ragazzi 6-18 anni e adulti oltre i 65 anni
gratuito bambini sotto i 6 anni

Basilica di S. Paolo fuori le mura

Mappa

La basilica di San Paolo fuori le mura è una delle quattro basiliche papali di Roma, la seconda più grande dopo quella di San Pietro in Vaticano. Sorge lungo la via Ostiense, vicino alla riva sinistra del Tevere, a circa due km fuori dalle mura aureliane (da cui il suo nome) uscendo dalla Porta San Paolo. Si erge sul luogo che la tradizione indica come quello della sepoltura dell'apostolo Paolo (a circa 3 km dal luogo - detto "Tre Fontane" - in cui subì il martirio e fu decapitato); la tomba del santo si trova sotto l'altare maggiore, detto "altare papale". Per questo, nel corso dei secoli, è stata sempre meta di pellegrinaggi; dal 1300, data del primo Anno Santo, fa parte dell'itinerario giubilare per ottenere l'indulgenza e vi si celebra il rito dell'apertura della Porta Santa. Fin dall'VIII secolo la cura della liturgia e della lampada votiva sulla tomba dell'apostolo è stata affidata ai monaci benedettini dell'annessa abbazia di San Paolo fuori le Mura. L'intero complesso degli edifici gode dell'extraterritorialità della Santa Sede, pur trovandosi nel territorio della Repubblica Italiana. Il luogo rientra nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'Unesco dal 1980.

Palazzo della Civiltà Italiana

Mappa

Il Palazzo della Civiltà Italiana, edificato in vista dell'Esposizione Universale di Roma del 1942, è uno dei simboli dell'Eur ed è considerato icona architettonica del Novecento romano e modello esemplare della monumentalità del quartiere. Su progetto degli architetti Guerrini, La Padula e Romano, i lavori vennero iniziati nel 1938 ed il Palazzo fu inaugurato il 30 novembre 1940, nonostante i lavori fossero ancora in corso. Noto anche come "Colosseo Quadrato", si ispira al più celebre Colosseo, riprendendone l'architettura caratterizzata da file di archi. Sotto i portici del pian terreno sono collocate 28 statue, una per arco, che illustrano le arti e i mestieri. La costruzione si erge su di  un alto basamento (stilobate) incorniciato da quattro gruppi scultorei ad opera degli scultori P. Morbiducci e A. Felci e si raccorda ai piani stradali attraverso due gradinate monumentali, una delle quali prosegue verso la valle del Tevere assicurandone l'effetto scenografico.

Palazzo dello Sport (Palalottomatica)

Mappa

Il Palazzo dello Sport, ora Palalottomatica, rappresenta una delle architetture più espressive del '900 e del quartiere Eur. Progettato come le altre due vicine strutture sportive della Piscina delle Rose e del Velodromo, nell'ambito delle previste realizzazioni per la XVII Olimpiade del 1960, l'impianto rappresenta ancora oggi una presenza fondamentale nel panorama delle attrezzature sportive della città. Inserito nella parte alta del suggestivo Parco delle Cascate dove originariamente, secondo il piano dell'E42 sarebbe dovuto sorgere il Padiglione dell'Acqua e della Luce, il Palazzo dello Sport si caratterizza per il suo corpo circolare completamente vetrato e per la plasticità architettonica dei suoi interni. Costituito da un complesso sistema strutturale in cemento armato, è organizzato al suo interno da una galleria circolare a doppia altezza che consente l'accesso alla sala centrale. La grande sapienza costruttiva di Pier Luigi Nervi trova in questo mirabile spazio la sua massima sublimazione con la grande cupola (di circa 100 mt. di diametro), disegnata da una trama di nervature radiali di sezione triangolare gradualmente convergenti verso il particolare lucernario posto in sommità. In virtù dei lavori di ristrutturazione e ammodernamento effettuati tra il 1999 e il 2004, l'impianto è stato ribattezzato Palalottomatica dallo sponsor che ha finanziato le opere di rinnovamento. Il Palazzo, anche per la realizzazione di successivi adeguamenti, è oggi una struttura polivalente, multifunzionale, in grado di ospitare non solo eventi di carattere sportivo  ma anche convegnistici e musicali. Con i suoi circa 12.000 posti disponibili, il Palazzo dello Sport si colloca tra le strutture polifunzionali più importanti non solo nel panorama romano ma anche europeo.

area riservata
I marchi del REF 2011
Get Adobe Flash player
Iscriviti alla nostra newsletter
Email
Conferma email
Partner
Cliccafranchising
Seguici su
Con il patrocinio
Presidenza del consiglio dei ministri Ministero dello Sviluppo Economico
Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali  
In collaborazione con

Regione Lazio


Sviluppo Lazio
Promotori

Federazione Italiana Franchising Confesercenti
Organizzazione

Merlo agenzia di eventi